• IL CASO GRAN BRETAGNA

    Migliaia di abusi fra minori: la libertà sessuale presenta il conto

    In Gran Bretagna la polizia ha denunciato un enorme scandalo sessuale fra adolescenti di cui si vede per ora solo “la punta dell’iceberg” accusando la cultura, il porno e il sistema educativo genitoriale e scolastico. Ma i media e la politica non vogliono guardare alle cause del problema per non contraddire la cultura progressista del “corpo è mio e lo gestisco io”. E così parlano di “rape culture”, “misoginia” e maschi violenti, incolpando le scuole private.
    - IN OCEANIA È GUERRA AI MASCHI E ALLA BIOLOGIA, di Luca Volontè
    - LA FEMMINISTA CRITICA IL GENDER E RISCHIA IL POSTO, di Giuliano Guzzo

    • LA TESTIMONIANZA

    Dal Covid ci ha protetti Dio, ecco come. Altro che vaccino

    Quella del vaccino è ormai diventata una nuova religione, con i suoi sacramenti (igiene, distanza...), i suoi santi (i vaccinati), i suoi comandamenti (Ricordati di vaccinarti; non desiderare il vaccino d'altri). Ma è una falsa religione. E lo dice una persona che per un mese e mezzo è stata attaccata all'ossigeno con una polmonite gravissima causa Covid. Ma tutta la Comunità Shalom è stata preservata grazie alle preghiere e all'assistenza di un'infermiera volontaria. Ognuno scelga liberamente se vaccinarsi o meno, ma ci si lasci liberi di vivere la nostra fede e non aderire a una religione degenerata.
    - ANCHE RIFIUTARE IL VACCINO È MORALE, di Stefano Fontana
    - IL CENTRODESTRA DI GOVERNO CHIUSURISTA, di Ruben Razzante

    English Español
    • DATI VS RETORICA

    Quante bugie sul Covid e il continente nero

    La situazione del Covid-19 in Africa è ben diversa da come ce la raccontano. Intanto i numeri dicono che la pandemia non è al primo posto tra i gravi problemi del continente nero e poi la retorica del Paese povero a cui sono sottratti i vaccini si scontra con la realtà: le dosi ci sono, ma manca l'organizzazione sanitaria per far fronte all'ingente popolazione.

    English Español
    • PROPAGANDA

    La ragazza che ha abortito e le storie montate ad arte

    Un’adolescente abortisce, a scuola ci sono dei disegni che rimandano all’umanità di un feto e parte lo sdegno pro aborto, alimentato dai giornali e dall’attivista Cathy La Torre. Nessuno si interroga sulla fragilità di quella ragazza, che ha l’insegnante di sostegno, e sulla veridicità della narrazione mediatica. Ma è emersa una versione molto differente, a partire dal tempo e fine di quei disegni.

    • IL CASO CAVANNA

    Non vogliono curare: escluso dal Cts il medico da Nobel

    Draghi conferma che esiste solo il vaccino, cure domiciliari inesistenti. Infatti Cavanna, neo testimonial per il Nobel 2021 e simbolo del covid at home, è stato escluso dal Comitato Tecnico Scientifico. La strategia è chiara: il covid non va curato, bisogna usare i ricoveri per spargere paura, vaccinare e rassicurare tenendo un occhio alle vacanze. 

    • INTERVISTA / BORGATTI

    “La Dad è un rischio. Per i ricoveri di adolescenti è boom"

    “Il disagio degli adolescenti è diventato una patologia psichiatrica conclamata, con un accesso al pronto soccorso e ai reparti che è aumentato in maniera molto evidente, quasi esplosiva”. La Bussola intervista il professor Renato Borgatti, direttore dell’unità di Neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza dell’Istituto Mondino di Pavia, che spiega come la situazione si sia aggravata con il secondo lockdown. Tra i problemi: tentati suicidi, atti di autolesionismo, disturbi del pensiero. “L’isolamento sociale interrompe il processo evolutivo”, soprattutto degli adolescenti. E l’uso eccessivo delle tecnologie, come nella didattica a distanza, “comporta un impoverimento neuronale”.
    - NON VOGLIONO CURARE, di Andrea Zambrano
    - OBBLIGO DI VACCINO PER I SANITARI, DRAGHI PEGGIO DI CONTE, di Riccardo Cascioli

    • I VENERDì DELLA BUSSOLA

    VIA CRUCIS, dialogo con Mons. Gänswein - IN DIRETTA

    • Operazione vaccino

    Così Oms e Gates sono i padroni della nostra salute

    La priorità vaccinale cela un’operazione di potere che, con OMS, Banca Mondiale e Gavi, arriva fino a Bill Gates. La Bussola intervista Pier Francesco Belli, esperto di governance sanitaria: «L’UE ha “ceduto” all’OMS, finanziata da Gates, il controllo di epidemie e malattie infettive, favorendo anche procedure d’emergenza per bypassare le leggi. Gates ha rastrellato azioni delle società di biotecnologia che costruiscono vaccini Ogm, più veloci rispetto a quelli tradizionali. È questo il nuovo business delle case farmaceutiche». E l'Italia si è legata mani e piedi a questo sistema.
    - DRAGHI E LA SCUOLA: PROMESSE E VERGOGNA di Riccardo Cascioli

    English Español
    • ITALICI PRIVILEGI

    Scanzi e Morra, l'ipocrisia dal Vaffa all'arraffa

    L’incoerenza dei Cinque Stelle e dei loro opinion leader, che predicano bene e razzolano male e che sono passati dal Vaffa day all’Arraffa…day, con una spregiudicatezza e una voracità degne del peggio della Prima Repubblica. I casi Scanzi e Morra specchio della retorica ipocrita anti-casta. 

    • VERGOGNA NAZIONALE

    Hanno chiuso le scuole senza motivo

    Mentre in tutt'Italia sorgono manifestazioni di protesta per il ritorno a scuola, arriva il primo studio epidemiologico sulla situazione della scuola italiana. E smentisce il governo: scuola sicura, studenti non untori, non ci sono focolai. Eppure il governo ha deciso senza avere a disposizione una sola ricerca, cosa che invece avviene in tutt'Europa e negli Stati Uniti dove molti istituti certificano che non ci sono rischi di focolai tra i banchi. Da noi ci si è affidati alle opinioni dei virologi in tv, che non sono suffragate da indagini scientifiche e all'emotività dei governatori, che hanno diffuso la paura come un contagio. A farne le spese sono stati gli studenti.
    NO AL REGIME SANITARIO, C’È UN'EUROPA CHE PROTESTA, di Paolo Gulisano

    • DA MILANO A HELSINKI

    No al regime sanitario, c'è un'Europa che protesta

    Dall’Italia alla Finlandia, passando per la Germania, continuano un po’ in tutta Europa le manifestazioni, bistrattate dai grandi media, di migliaia di cittadini contro le eccessive restrizioni adottate dai governi nella gestione del Covid-19. Vi si ascoltano testimonianze di medici che stanno affrontando il virus soprattutto con le cure domiciliari e anche di avvocati impegnati a difendere i diritti violati.

    • GENITORI IN PROTESTA

    "Le mascherine fanno male alla salute dei nostri figli"

    Il TAR ha consentito il non uso della mascherina con garanzia di distanziamento dei banchi, ma il governo non ne ha preso atto: così è partita una petizione di genitori che spiegano che "la saturazione degli alunni si abbassa anche fino a 90 e viene il mal di testa". Senza contare gli effetti di lungo periodo della continua respirazione di anidride carbonica. C'è poi il danno educativo e mentale prodotto dall'ossessione igienista.