Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Sant’Apollinare a cura di Ermes Dovico

Pro life


Usa, minacce a Kavanaugh e nuove violenze degli abortisti
LA GUERRA DELL’ABORTO

Usa, minacce a Kavanaugh e nuove violenze degli abortisti

Arrestato un uomo armato di pistola e coltello mentre urlava minacce di morte vicino alla casa del giudice Kavanaugh; 15 attiviste imprecano e si spogliano in una chiesa protestante; ancora molotov e atti vandalici contro i centri pro vita; e gli abortisti puntano a bloccare la Corte Suprema il 13 giugno. I Dem e i media liberal fomentano le violenze.


Aborto, i quattro fronti della guerra negli USA
CLIMA INCANDESCENTE

Aborto, i quattro fronti della guerra negli USA

In attesa che la Corte Suprema decida sul caso Dobbs, si intensifica la guerra sull’aborto. L’industria abortista riceve fiumi di dollari (3,4 miliardi solo nel 2020) da miliardari come Buffett, Bloomberg, la famiglia Hewlett, l’ex di Bezos. Gruppi di sedicenti cristiani, finanziati da Soros, attaccano Cordileone per la Comunione proibita alla speaker Pelosi, ma l’arcivescovo di San Francisco è sostenuto da Catholic Vote e diversi confratelli nell’episcopato. Proseguono gli assalti contro le chiese e le opposte iniziative degli Stati Repubblicani (con leggi pro vita) e Democratici (contro i nascituri).


Corte Suprema, gli abortisti minacciano di uccidere i giudici
STATI UNITI

Corte Suprema, gli abortisti minacciano di uccidere i giudici

Un documento del Dipartimento della Sicurezza Nazionale descrive i seri pericoli di attentati ai giudici della Corte Suprema statunitense, ai pro vita e alle chiese, a seguito della pubblicazione della bozza di sentenza anti-aborto. Tra le minacce, “l’incendio o l’assalto alla Corte Suprema degli Stati Uniti e l’omicidio dei giudici e dei loro impiegati”, nonché di membri del Congresso.


Guatemala, un presidente cattolico che protegge la vita
CONTRO CORRENTE

Guatemala, un presidente cattolico che protegge la vita

Il presidente del Guatemala ha dichiarato il suo Paese diventerà la capitale pro-vita dell'America Latina sin dall’inizio del prossimo anno 2022, mentre Biden nomina abortisti in ruoli nevralgici della sua Amministrazione e nell’Unicef. E proprio per questo sta isolando il Guatemala, diffamandolo. C’è modo e modo di essere cattolici in politica.


Pro vita negli Usa e in Italia: quali differenze?
IL CONFRONTO

Pro vita negli Usa e in Italia: quali differenze?

Negli Stati Uniti la lotta all’aborto è più incisiva perché il tema è sia de-confessionalizzato sia confessionale. Le campagne pro life hanno fatto comprendere che la difesa della vita attiene alla morale naturale prima che alla fede. Ma al contempo i vescovi hanno continuato a combattere l’aborto. Un risveglio delle coscienze in Italia può allora avvenire su un duplice livello.


Il successo di Unplanned, il film che smaschera l’aborto
UNA STORIA VERA

Il successo di Unplanned, il film che smaschera l’aborto

Tutto esaurito per l’anteprima italiana di Unplanned, proiettato l’8 luglio a Roma nella sua versione censurata e pure con il divieto ai minori di 14 anni (ma è pronto il ricorso). Tre i messaggi fondamentali del film sulla storia vera di Abby Johnson: le menzogne degli abortisti, il connubio tra aborto e potere, la misericordia sperimentata dall’ex manager di Planned Parenthood.


Rapporto Iceberg, il ridicolo tentativo di screditare i pro-life
UNIONE EUROPEA

Rapporto Iceberg, il ridicolo tentativo di screditare i pro-life

Pubblicato a Bruxelles il rapporto della Ong abortista EPF, cui partecipano molti europarlamentari, che accusa i movimenti pro-life di aver ricevuto 707 milioni di dollari in 10 anni. Praticamente nulla, considerando i finanziamenti miliardari delle ong abortiste.


«Vietare le preghiere anti-abortiste davanti alle cliniche»
SPAGNA

«Vietare le preghiere anti-abortiste davanti alle cliniche»

La Spagna Socialista del Premier Sanchez si avvia verso la criminalizzazione del dissenso: carcere per i pro-life e pene per chi dissente dalla memoria storica ufficiale. La modifica alla legge organica di riforma del Codice penale del 1995, se approvata, punirebbe col carcere chiunque “molesti”, anche con la preghiera, le donne che vogliono abortire.


La Marcia per la Vita torna in piazza e compie dieci anni
ABORTO

La Marcia per la Vita torna in piazza e compie dieci anni

La decima edizione della Marcia per la Vita torna in presenza, in piazza, a Roma. Molti gli ospiti internazionali, sia associazioni che ambasciatori da Polonia e Ungheria. Particolarmente forte l'intervento di Anna Bonetti, attivista sordomuta, contro l'aborto eugenetico. Contrastare la legge 194 non è impossibile e non è retrogrado.


May Day! I primi cento giorni (da paura) di Biden e Harris
AMMINISTRAZIONE USA

May Day! I primi cento giorni (da paura) di Biden e Harris

Mayday (m’aidez) è il messaggio di aiuto lanciato da chi si trova in difficoltà estrema. Gli Usa si trovano ad un difficile momento di svolta. Un'amministrazione che promuove l'aborto guidata da un presidente che, apparentemente, sta perdendo il controllo e una vicepresidente, Kamala Harris, pronta a prendere il sopravvento.

BIDEN RICONOSCE IL GENOCIDIO ARMENO. MENTRE IN VATICANO... di Stefano Magni


Nuovo movimento pro vita: “No all’uso di cellule fetali”
L’INIZIATIVA

Nuovo movimento pro vita: “No all’uso di cellule fetali”

Sette realtà italiane rispondono all’appello di monsignor Schneider di un «nuovo movimento per la vita» che si opponga all’uso di cellule e tessuti provenienti da bambini abortiti. Non si tratta solo di vaccini, ma di tutti gli usi immorali in campo farmaceutico, cosmetico o alimentare. Una battaglia culturale la cui urgenza è ricordata pure da una fresca norma (anti-vita) di Biden.


Sospesa dal college perché pro-life vince il ricorso
PENSIERO UNICO

Sospesa dal college perché pro-life vince il ricorso

Julia Rynkiewicz, studentessa di ostetricia, fu denunciata da un suo docente che l’aveva vista nello stand dell’associazione per la vita Nottingham Students for Life. Ne seguì una sospensione e solo dopo mesi la riammissione in ateneo. Nonostante ciò, solo il fatto che abbia dovuto combattere la dice lunga sul pericolo per la libertà di espressione.