• POLITICA DOPO IL COVID

    Partiti in fibrillazione, governo appeso alle trame

    L’autunno sarà certamente caldo dal punto di vista politico perché i partiti, grazie al paracadute del semestre bianco, che inizia ai primi di agosto, potranno tirare la corda con Mario Draghi senza il rischio di elezioni anticipate. La navigazione dell’esecutivo potrebbe diventare tutto d’un tratto tempestosa perché ogni forza politica cercherà di alzare il prezzo. Ecco come. 

    • MAGISTRATURA E POLITICA

    Sentenza Ilva intrisa di pregiudizio ideologico

    Il pregiudizio ideologico di alcune toghe è ben visibile, senza bisogno di scomodare i retroscena come quelli di Palamara. L'ennesima dimostrazione è la sentenza Ilva, dove, senza prove scientifiche inoppugnabili, si accusa la famiglia Riva di inquinamento "devastante per la salute e per l'ambiente". Bruno Ferrante è stato assolto

    • LA FESTA DI OGGI

    Una repubblica fondata sull'ideologia. Per cambiarci

    La repubblica italiana che si festeggia oggi ha tutto l’aspetto di una ideologia più che di una realtà. Non si fonda sul diritto naturale e su Dio, è diventata una repubblica procedurale in cui introdurre leggi in contrasto con la Costituzione. Usa la scuola pubblica per indottrinare, ci dice cosa sia il nostro corpo e come lo dobbiamo trattare, vaccina tutti stabilendo essa il perché, obbliga a transizioni ecologiche e digitali. La Repubblica italiana è un progetto per cambiare gli italiani, in cui il riferimento al lavoro è oscuro e abbandonato da sindacati desaparecidos. È un progetto per modernizzarci secondo i principi delle ideologie dominanti nella modernità. 

    • NONOSTANTE I SONDAGGI

    Salvini e Berlusconi uniti per timore della Meloni

    Nei sondaggi il centrodestra continua ad essere vincente. Ma nella girandola dei veti incrociati, soprattutto tra Lega e Fratelli d’Italia, si aprono nuovi conflitti intestini. E nuovi scenari: vista la crescita impetuosa del partito della Meloni, Salvini e Berlusconi vorrebbero addirittura unire le forze in una formazione nuova (un progetto velleitario)

    • LA SVOLTA DEL CDA

    Viva la Rai che va a Milano ed è meno romana

    Con la decisione di creare un grosso centro di produzione televisiva a Milano, la Rai si sgancia finalmente dal romanocentrismo. Il Cda della tv di Stato, ormai in scadenza e prossimo al rinnovo, passerà alla storia anche per aver posto le basi di una Rai meno legata ai palazzi della politica dove trionfa la lottizzazione per guardare ai competitor Mediaset e Sky. 

    • LE NUOVE DISPOSIZIONI

    A ballare senza ballare, follie da pandemia estiva

    Stanno per essere introdotti nuovi protocolli, ancora più grotteschi e incomprensibili. Dalla bozza del Cts al governo si suggerisce di aprire le discoteche, ma di non far ballare la gente. Mentre si potrà cenare al chiuso, ma con la mascherina tra un boccone e l'altro. Il ritorno alla normalità è ancora un miraggio. E anche quello al buon senso. 

    • ISLAM IN ITALIA

    Islamismo nelle urne, assalto alle elezioni comunali

    Il Partito islamico è un progetto che cova da decenni. Lo si vede, periodicamente, nel corso delle elezioni amministrative, dove è più facile, per gli islamisti, trovare un varco per tentare l'assalto. Non si tratta di impedire la candidatura a chi si professa musulmano, ma di stare attenti al progetto dell'islam politico. La Francia già lo sta scontando.

    • GIUSTIZIA & POLITICA

    Tutti assolti, ma già sottoposti alla gogna mediatica

    Chi risarcirà Salvini, Uggetti, Raggi e tanti politici assolti dopo un’odissea processuale e massacrati per anni dai media? Non basta la conquista della libertà, non è sufficiente la riabilitazione pubblica quando c’è stato un vero e proprio processo sui mezzi di informazione fondato su insinuazioni, dicerie, montagne di accuse non dimostrate, bassezze figlie di rivalità politica.

    • CANDIDATURE

    Come il centrodestra si sta autodistruggendo

    Lite sulla successione al vertice del Copasir. E scontro aperto sulle candidature delle maggiori città italiane, fra cui Roma e Milano, in cui si voterà il prossimo autunno. Il centrodestra, pur essendo in testa in tutti i sondaggi, continua ad autodistruggersi, a causa della rivalità fra Meloni e Salvini e della frammentazione di Forza Italia

    • IMMIGRAZIONE

    Tratta del Mediterraneo, un problema ormai solo italiano

    Non esiste una gestione europea dell'immigrazione clandestina del Mediterraneo. Solo gli Stati possono proporre soluzioni. Spagna, Malta e Grecia fermano il flusso. L'Italia, con Conte 2 e Draghi, è l'unica eccezione. Letta vuole trasformare la missione navale Irini in soccorso. Farebbe la stessa fine della precedente missione Sophia.

    • LEADER PD ALLO SBANDO

    Ci mancava pure il teologo Letta: «Ora donne prete»

    Una volta la Sinistra si lamentava dell'ingerenza della Chiesa. Adesso persino Letta si mette a pontificare sulle donne prete. «Ho capito che anche per la Chiesa è arrivato il momento di aprirsi e valorizzare le donne, fino a pensare al sacerdozio femminile». Parole in libertà con le quali l'ex democristiano pretende di dettare legge in casa d'altri. 

    • SANT'EGIDIO

    Farsa dei corridoi umanitari. L'Italia non è la terra promessa

    I corridoi umanitari creati dalla Comunità di Sant'Egidio fanno di nuovo parlare di sé, con l'arrivo di 40 profughi in Italia. I campi Onu da cui giungono i profughi sono già attrezzati per organizzare il trasferimento nei Paesi disposti ad accoglierli. L'Italia è già affollata di emigranti e semmai dovrebbe chiedere ad altri Paesi di accoglierli. Salvare vite umane dalla rotta del Mediterraneo? Ma gli ultimi profughi arrivano da Lesbo, che è alla fine e non all'inizio della pericolosa rotta degli emigranti. Un'iniziativa che è più ideologica che umanitaria e che presenta irresponsabilmente l'Italia come una "terra promessa", ignorando la crisi che stiamo vivendo.