Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Brigida di Svezia a cura di Ermes Dovico
STATI UNITI

La Roe vs Wade rischia. E gli abortisti scatenano l’inferno

Clamoroso negli Usa: il quotidiano online Politico ottiene e pubblica la bozza dell’opinione di maggioranza che - se approvata - ribalterebbe la Roe, la sentenza che nel 1973 ha imposto l’aborto in tutti gli Stati Uniti. La bozza, scritta dal giudice Alito e trafugata illegalmente, spiega che la Roe è costituzionalmente infondata e da annullare insieme alla sentenza “gemella” Casey. La Corte Suprema conferma che la bozza è autentica e incarica l’Fbi di trovare i colpevoli. Ma intanto il Partito Democratico e le lobby abortiste si compiacciono per il testo trafugato, aizzando le piazze e minacciando l’indipendenza dei giudici.

Attualità 04_05_2022
Amy Klobuchar, senatrice Dem, parla fuori dalla Corte Suprema_3 mag 2022

La Corte Suprema degli Stati Uniti sarebbe pronta a rovesciare la sentenza Roe vs Wade che ha aperto la porta all’aborto legale nel Paese dal 1973 e, sin dagli anni seguenti, ha favorito la legalizzazione dell’aborto in tutto il mondo. Questo è quanto emerge dalla bozza informale sul caso Dobbs, preparata dal giudice Samuel Alito, relatore della Corte, e che è stata trafugata illegalmente da un impiegato e data in pasto ai media: la bozza, 98 pagine, è stata pubblicata sul quotidiano online Politico nella serata di lunedì.

Nel dicembre scorso, come avevamo descritto sulla Bussola, erano state ascoltate dai giudici supremi le argomentazioni delle parti nel caso Dobbs: alla luce delle domande delle toghe c’era la speranza fondata di una decisione che potesse annullare la Roe vs Wade o, quantomeno, avallare la legge del Mississippi che vieta l’aborto dopo 15 settimane. Il testo scritto dal giudice Alito, in circolazione tra i giudici dallo scorso 10 febbraio, elenca tutte le ragioni costituzionali e motiva la scelta di ripudiare radicalmente la decisione del 1973 - che individuava una stramba protezione costituzionale all’aborto - e anche la successiva sentenza del 1992 (Planned Parenthood vs Casey), che ne sosteneva il diritto.

La bozza di Alito è una proposta di sentenza sostenuta da cinque giudici conservatori su sei (Thomas, Gorsuch, Kavanaugh, Barrett e ovviamente lo stesso Alito, mentre Roberts non si è ancora espresso, secondo quanto riporta Politico), dunque dalla maggioranza dei membri della Corte (cinque su nove), anche se la formulazione della sentenza finale e il numero dei giudici che la sosterranno potrebbero cambiare prima della pubblicazione finale, prevista per la fine di giugno o l’inizio di luglio prossimi.

La pubblicazione della notizia - preparata e cavalcata ad arte da multinazionali abortiste, Partito Democratico e organi di stampa dell’internazionale di sinistra (il Guardian ha messo la notizia in evidenza, anteponendola alla guerra in Ucraina, per la prima volta dallo scoppio del conflitto) - ha provocato manifestazioni sin dalla serata di lunedì. A poche ore dalla pubblicazione su Politico, già si contavano centinaia di manifestanti pro aborto in procinto di assalire l’edificio della Corte, poi messo in sicurezza dalle forze di polizia, e decine di commenti incattiviti e irrispettosi verso i giudici supremi, accusati di voler violare i diritti delle donne a scapito della Costituzione.

La presidente della Camera, Nancy Pelosi (che si dichiara cattolica), e il capogruppo al Senato Chuck Schumer, entrambi Democratici, in una dura nota congiunta hanno definito il testo della bozza di decisione come la “peggiore restrizione dei diritti civili degli americani, contraria alla Costituzione” e promesso un deciso, rapido impegno per “codificare” in una legge federale il diritto all’aborto da garantirsi in tutti gli Stati; una proposta sostenuta a gran voce anche dal presidente (cattolico) Joe Biden che ha definito “radicale” e violatrice dei diritti la bozza della Corte. La Dem socialista Alexandra Ocasio-Cortez si spinge oltre e chiede, oltre alla codificazione dell’aborto, anche quella per l’educazione, i diritti e “matrimoni” Lgbtqi. Il tutto, nelle intenzioni dei Democratici, si dovrebbe approvare entro le elezioni di metà mandato del prossimo novembre, nelle quali tutti i sondaggi prevedono la riconquista di Camera e Senato da parte dei Repubblicani.

Il compiacimento per la fuga del testo di tanti Democratici e, in particolare, di Hillary Clinton, svela con ragionevole certezza quanto sia stata preparata e chi siano i colpevoli di questo complotto e sfregio all’indipendenza dei giudici e della stessa Corte Suprema. Pochissimi i precedenti di pubblicazioni da parte della stampa di bozze di sentenze trafugate prima delle decisioni finali, perciò la Corte Suprema, in un breve messaggio, ha riconosciuto che il documento trapelato è effettivamente in discussione, pur notando che “non rappresenta una decisione della Corte o la posizione finale di qualsiasi membro sulle questioni del caso”. Il presidente della Corte, John Roberts ha incaricato l’Fbi di compiere una rapida indagine che porti all’arresto del o dei colpevoli, pur assicurando che “il lavoro della Corte non sarà influenzato in alcun modo” dagli avvenimenti. Uno scandalo, preparato a tavolino, allo scopo di condizionare i giudici, incamerare 150 milioni di dollari degli abortisti per le elezioni di midterm, nascondere gli scandali di Biden, nonché l’incapacità e cattiva gestione nelle politiche economiche e sociali.

Il testo preparato dal giudice Alito è invece preciso e costituzionalmente perfetto nello smontare l’abortismo giudiziario e apprezzare il diritto alla vita del nascituro. In particolare si legge: “La sentenza Roe vs Wade era terribilmente sbagliata fin dall’inizio (…). Noi riteniamo che le sentenze Roe e Casey devono essere rovesciate (…). È tempo di ascoltare la Costituzione e restituire la questione dell’aborto ai rappresentanti eletti del popolo (…). La Costituzione non proibisce ai cittadini di ogni Stato di regolare o proibire l’aborto (…), i giudici supremi nelle sentenze Roe e Casey si sono arrogati questa autorità. Ora annulliamo quelle decisioni e restituiamo l’autorità al popolo e ai suoi rappresentanti eletti”, conclude il documento.

La guerra vera è iniziata, gli abortisti e i ‘cattolici’ per l’aborto hanno aizzato le piazze. Ma, già dalla serata di lunedì e per tutta la giornata di ieri, sono fioccate dichiarazioni e si sono organizzate manifestazioni pacifiche di organizzazioni pro vita, nella speranza che la bozza di sentenza venga approvata e pubblicata ufficialmente. Né i giudici, né i milioni di americani che sostengono le leggi pro life, né i governatori degli Stati Repubblicani dovranno farsi intimidire. Anzi, in molti si preparano a nuove iniziative a difesa della vita nascente, aspettando con fiducia una prossima e giusta decisione dalla Corte Suprema.