Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Macrina la Giovane a cura di Ermes Dovico
accusato di molestie

Tutti garantisti su Siffredi: dov'è il maschio tossico?

Ascolta la versione audio dell'articolo

Per una volta tutti allineati al garantismo per Rocco Siffredi, accusato di molestie. Nessuno urla alla mascolinità tossica, né al patriarcato. Miracoli del porno, business da proteggere e sdoganare.

Editoriali 23_03_2024

Stavolta dov’è il maschio tossico? Dove sono le donne indignate del se non ora quando? E il patriarcato? Com’è che nessuno ha ancora accusato Rocco Siffredi di cultura machista e tacciono le indignate in servizio permanente delle scarpette rosse, della violenza di genere, gli invasati del gender gap?

Per molto meno altri uomini della categoria “maschi” accusati di molestie o anche solo di battutacce sono stati messi alla pubblica gogna nel nome della parità di genere, del body shaming e carriere rispettabili sono finite nel tritacarne salvo poi scoprire che non si trattava di violenze, da Kevin Spacey a Memo Remigi, passando per Gerard Depardieu. Insomma, all’uomo di spettacolo tanto è perdonato, ma se per una qualche ragione entra nel campo minato di ciò che il femminismo condanna come violenza, per lui non c’è scampo: articolesse di giornale sono pronte per massacrarlo.

E nessuno è esente da questa macchina, anche araldi del conformismo di genere come Platinette (al secolo Mauro Coruzzi), il quale recentemente si è dovuto scusare per una battutaccia (una battutaccia, niente di più) nei confronti di una donna dello spettacolo.

C’è invece un insolito e sospetto garantismo da quello che sta emergendo nella storia delle presunte molestie telefoniche che il pornodivo (regista, attore e sdoganatore dell’hard in formato salotto) avrebbe rivolto a una giornalista che lo aveva raggiunto per intervistarlo in occasione dell’uscita della serie tv dedicata a lui.

Ed è un garantismo davvero encomiabile, quello che teoricamente si dovrebbe fare per tutti i casi di molestie in cui i nomi dei coinvolti vengono sbattuti in prima pagina. Wow, verrebbe da dire, così si deve fare: nel caso di Siffredi, si sta dando conto della notizia, si riporta l’altra campana – in questo caso l’accusato – e la cosa finisce lì. Palla al centro. Non partono le campagne martellanti all’insegna del maschio tossico e della donna sempre, comunque e senza ombra di dubbio vittima da risarcire.

Ma è un garantismo che è alquanto sospetto. Al momento, infatti, la vicenda è gestita mediaticamente come una partita di tennis: al primo articolo del Corriere della Sera in cui si dava notizia della denuncia per molestie, ha fatto seguito una dichiarazione di Siffredi quasi immediata che è stata largamente ripresa dalla stampa, tanto che i giornali che ancora non avevano ripreso lo scoop del Corsera, hanno dovuto aprire con la versione di Rocco.

Poi, ieri, il secondo round. Sempre il Corsera ha intervistato la donna che ha rincarato la dose raccontando qualche dettaglio in più sulle presunte molestie (delle quali, non essendo un giornale di gossip non ci occupiamo) ma senza rivelarsi con nome e cognome.

Ma ecco che, tempo un’oretta, Siffredi è tornato alla carica con grande clamore, minacciando addirittura di rivolgersi agli avvocati per difendersi dalle accuse. E qualcuno ha persino fatto il nome della donna, che fino ad allora era rimasto ben coperto. Il tutto condito con la diffusione dei vocali whatsapp di lui rivolti a lei che sarebbero stati allegati alla denuncia. Ma ancora una volta la versione di Rocco è stata messa a fianco di quella della sua accusatrice.

Insomma, godendo sicuramente di buona stampa ed evidentemente sapendola sfruttare a suo vantaggio, la figura di Siffredi non ne è uscita massacrata come invece ci si sarebbe aspettati in questi casi, perché gli ingredienti per farne una storia da tritacarne mediatico c’erano tutti. Invece il circo mediatico ha deciso di risparmiarlo e trattarlo come si dovrebbero trattare tutti gli altri. Anzi, c'è chi come Michele Serra gli consiglia domande e risposte scritte nelle interviste (praticamente l'antigiornalismo, una doccia vestiti) e persino si commenta con ammirazione il fatto che sia lui stesso su Instagram a fare il pompiere invitando le turbe di odiatori social a risparmiarla. Insomma, un cordone sanitario di tutto rispetto.

Invece mancano gli appelli alle donne unite contro l’oppressore maschilista, non si chiede a Siffredi di uscire dai palinsesti, dove da un po’ di tempo sta girando indisturbato come pornodivo della porta accanto. Insomma, sembra che la galassia femminista sia improvvisamente muta di fronte a questo ennesimo schiaffo alle donne.

Avete sentito qualcuno urlare a Siffredi di essere "rappresentante becero del patriarcato" come si è fatto per altri casi? No, e il motivo è semplice. Perché Siffredi è un personaggio dello spettacolo tra i più coccolati e protetti da quello stesso circuito mediatico, di show business e rivoluzioni sociali, che dovrebbe rivoltarsi contro di lui accusandolo.

Le sue ospitate televisive sono ricercatissime e le interviste non ne parliamo, del resto le molestie – se mai un giudice accerterà che ci sono state – sono partite proprio a seguito di una delle tante interviste che il re del porno ha rilasciato in occasione della serie tv che ne deve celebrare la carriera, ma non solo.

Dopo aver lasciato il set come attore, Siffredi ha intrapreso una proficua campagna di introduzione del porno come genere della porta accanto: in tv ne parla con naturalezza, si presenta come esperto in grado di orientare il pubblico sui rischi, ha persino una academy nella quale forma all’hard giovani reclute.

Insomma, nella sua nuova attività di sdoganatore del porno da oggetto proibito a tollerato stiamo lasciando la finestrella di Overton del "sensato" per entrare in quella del "popolare" e "diffuso". Per questo Siffredi è un pesce troppo grosso da demolire con “becere” campagne sull’autodeterminazione della donna.

A proposito, com’è che quando si parla di pornografia l’universo in rosa non scende in piazza coi forconi visto che la donna oggetto è uno dei suoi assets preferiti? Forse è perché in realtà all’ideologia femminista non importa affermare la donna nella sua totalità e umanità, ma solo la sua idea ideologica di autodeterminazione?

Quindi, che si fa? Niente, per ora si mette avanti quel garantismo che a tanti altri al suo posto è mancato. Intanto però nessuno ne approfitta per toccare il nervo scoperto di questa storia, che sui social vede addirittura lupi famelici prendersela con la giornalista rimproverandole di essere andata a casa del lupo. Ma è anche questo un risvolto distraente. Perché il punto è proprio quello di dare visibilità a Rocco Siffredi, come se la pornografia rimanesse sullo sfondo al pari di un’arte paragonabile a un concerto per piano e archi.

Il punto è che la pornografia è una piaga, una piaga mortale per chi la pratica e per chi la subisce come fruitore. Nessuno parla dei suicidi ad essa collegati, della depressione che suscita, della spersonalizzazione che provoca, della solitudine che genera e della distruzione della persona che fomenta (tranne alcune eccezioni, leggi QUI il libro della Bussola) e nessuno parte dal presupposto che la pornografia è una calamità ignorata, una porcheria immonda fatta di molestie vere sui corpi di donne ingenue e ambiziose, disperate e senza valori, che vengono usate - con la scusa dell'autodeterminazione e della libertà - per un mercato che va ben oltre le battutacce da caserma che Siffredi avrebbe – ripetiamo: avrebbe – pronunciato rivolto alla sua “preda”.

Non accorgersi e non voler guardare che con Rocco Siffredi, tutti, dai media mainstream alla tv di Stato, stanno sdoganando una piaga sociale paragonabile alla droga, è la vera mascolinità tossica che si sta imponendo agli occhi di giovani e meno giovani, è il peccato originale che impedisce ai giornali di mettere a fuoco vittime e carnefici.

Le molestie fanno male, certo, ma anche issare sul piedistallo con interviste, serie tv e ospitate, un personaggio che ha fatto della tossicità genitale la sua fortuna è sicuramente peggio.



PORNO SDOGANATO

Da mamma Rai un'oscena beatificazione di Siffredi

13_09_2023 Andrea Zambrano

La trasmissione di Diaco, BellaMa', regala al pomeriggio un'ora di palcoscenico a Rocco Siffredi in versione maestro di vita. Una disgustosa pantomima che promuove la pornografia. In vigilanza Rai tutto bene? 

il dibattito

L'inganno del porno educativo, coi social a far da esca

02_09_2023 Andrea Zambrano

Siffredi alleato del governo per vietare la pornografia ai minori è lo stesso che invita Arisa nel mondo dell'hard per un porno educativo. E che si serve dei social per attirare i futuri fruitori dei suoi prodotti grazie a giovanissime esche.

stupri e pornografia

La porno morale di Rocco: l’hard fa male, ma solo il suo è buono

28_08_2023 Andrea Zambrano

L'ipocrita dibattito su stupri e pornografia, tra Roccella e Siffredi nella parte del moralizzatore per vietare l'hard ai minori e regolamentare l'accesso ai siti. Una trappola per un porno sdoganato e pubblicizzare la sua Academy. Con relativi profitti. Ma tacendo che la pornografia è sempre violenza con devastanti ricadute. 
- Una calamità ignorata: il libro della Bussola

Uk, australia e Usa

Porno, favorisca i documenti. Crescono i paesi con crisi da rigetto

Nel Regno Unito si discute un disegno di legge che obbliga i siti a verificare l'identità dei fruitori di pornografia per scongiurare l'accesso dei minorenni che ormai sta diventando una piaga. Anche Australia e molti Stati Usa si stanno muovendo. E i risultati portano all'oscuramento delle piattaforme. Una speranza per una crisi di rigetto salutare. 

LA DENUNCIA DEL WSJ

Così TikTok propone ai minori video porno e droga

25_09_2021 Orlando Falena

Un'analisi del Wall Street Journal, svolta creando falsi account automatizzati, ha evidenziato come l’algoritmo di TikTok sia incapace di filtrare i video sulla base dell’età dell’utente e offra, anche ad utenti con un’età registrata di 13-15 anni, contenuti a sfondo sessuale, sull’uso di droghe e l’abuso di alcol.

DISCO APERTA PER BERGAMOSEX

Non si ferma l'industria porno, virus più forte del covid

29_08_2020 Andrea Zambrano

Discoteche chiuse in tutt'Italia, ma per il Bergamo Sex in corso al Bolgia si è fatto uno strappo alla regola. Una concessione che mostra quanto il mercato del porno sia un virus più forte del covid. Ieri la giornata d'avvio, un consigliere comunale chiede di fermare lo show di spogliarelli e pornografia ad alto rischio assembramento e fa partire un esposto al Questore. «Ma è lo stesso che ha cacciato i pro life dalla piazza». 

CONNUBI PERICOLOSI

L'industria porno finanzia l’aborto con cui va a braccetto

L’organizzazione abortista Marie Stopes International ha ricevuto, a partire dal 1995, 7,5 milioni di sterline da Phil Harvey, magnate del porno e della vendita di articoli erotici. I motivi sono molteplici, fra questi il fatto che entrambi concepiscono il sesso slegato dalla procreazione, con medesimi effetti sulla salute e la psiche della "donna-oggetto".

DIPENDENZE E SALUTE MENTALE

Pornografia e depressione, il legame in uno studio

25_07_2022 Ermes Dovico

Pubblicata su Frontiers in Psychology una ricerca su un campione di 1031 studenti dell’Università Francescana di Steubenville (Ohio). Lo studio individua un forte legame tra l’uso della pornografia e il peggioramento della salute mentale in termini di depressione, ansia e stress. Nelle risposte degli studenti anche la via per uscire da quella che spesso è una vera e propria dipendenza.

LA CASSAZIONE

Via libera alla pornografia con minori? Una sentenza shock

31_10_2021 Giacomo Rocchi

Il 28 ottobre le Sezioni Unite della Cassazione hanno stabilito che non si configura il reato di produzione di materiale pornografico quando un over 14 acconsente alle relative riprese, anche con un adulto, purché ad uso privato. Una pronuncia che tradisce la volontà del legislatore e perfino la Costituzione, ignorando anche la facilità di diffusione odierna. E, dietro la solita foglia di fico della “libertà”, espone a nuovi pericoli tanti ragazzini.

IL LIBRO

Libero! Un percorso concreto per uscire dalla pornografia

21_08_2021 Fabio Piemonte

Appena pubblicato da Edizioni Porziuncola, Libero! delinea un itinerario per liberarsi dalla pornografia e riscoprire la libertà di amare. Frutto dell’esperienza decennale di un’équipe francese coordinata da un sacerdote, il volume offre l’opportunità di un cammino di 40 giorni per un progressivo lavoro di conversione, liberazione e ricostruzione di sé attraverso testimonianze, spiegazioni dei meccanismi psicologici, riflessioni spirituali ed esercizi pratici.

IL CASO

Pornografia diritto umano? Possibilità che inquieta

10_02_2021 Luca Volontè

A un detenuto in Slovacchia vengono sequestrate delle riviste pornografiche. Lui ricorre alla Corte europea dei diritti dell’uomo lamentando la violazione di vita privata e libertà d’espressione. La Cedu ha deciso di pronunciarsi sul caso. E già questo preoccupa perché il buonsenso, il dovere degli Stati di proteggere la morale, il legame pornografia-violenza e la relativa Convenzione europea avrebbero suggerito di rigettare direttamente il ricorso.

INTERVISTA/PADRE KILCAWLEY

«Pornografia, flagello che distrugge giovani e famiglie»

07_09_2019 Elisabetta Broli

«Ormai anche i bambini sono esposti alla pornografia fin dagli 8 anni e la pornografia è la causa di un divorzio su 4. Il problema è che molti adulti sono inconsapevoli del disastro che la pornografia sta provocando. Negli Stati Uniti c'è più consapevolezza, alcuni Stati ormai la considerano una crisi di salute pubblica». A delineare questo quadro drammatico è padre Sean Kilcawley, americano, uno dei massimi esperti mondiali dei problemi causati dalla pornografia.
- IL LIBRO DELLA BUSSOLA: UNA CALAMITA' IGNORATA

IL NUOVO LIBRO NBQ

Pornografia, calamità ignorata. Il nuovo libro della Bussola

24_05_2019

A cura di Elisabetta Broli, che ha raccolto la professionalità di autori vari, il nuovo libro della Nuova Bq, "Pornografia, calamità ignorata", ha lo scopo di affrontare il problema, una vera e propria piaga sociale. Il libro fornisce anche ampi spunti per indirizzare alla soluzione chi soffre, oltre che testimonianze dirette di chi è uscito dal tunnel della dipendenza.