Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Sant’Etelberto a cura di Ermes Dovico
SCHEGGE DI VANGELO

Il terrorismo

Prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine (Lc 21,9)

Schegge di vangelo 28_11_2023 English Español

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta». Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine». Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo. (Lc 21,5-11)

Terrorizzare non fa certo parte del volere divino. Il terrore è più un metodo umano: la minaccia, il ricatto, la violenza psicologica e fisica. Piuttosto Gesù ci spiega che catastrofi naturali o sociopolitiche sono degli avvertimenti, è il segnale che dobbiamo stare attenti e rimanere vigili, ma anche che non dobbiamo disperarci e perdere fiducia nei suoi insegnamenti. Prega il Signore che ti doni la fiducia in Lui e nella sua Santa Chiesa, anche quando tutto il mondo sembra andare in pezzi.