• CONSULTAZIONI

    Renzi vuole una rivincita. Ma l'Italia vuole un governo

    Mentre i negoziati fra partiti e Quirinale non riescono a produrre alcun governo, si consuma l'ennesimo psicodramma in casa Pd. Renzi vuole una rivincita nella direzione Pd di oggi, è convinto che lo stallo attuale sia prodotto della mancata riforma costituzionale che lui avrebbe voluto. Intanto si avvicina l'ipotesi del governo tecnico. E il voto.

    • CONSULTAZIONI

    Governo del Presidente, il piano B di Mattarella

    Governo: il secondo giro di consultazioni è stato apparentemente infruttuoso. Ora i casi sono due: un mandato esplorativo a Di Maio o Salvini (o un altro premier di loro fiducia). Ma i veti incrociati e le maggioranze che mancano rendono difficile questa strada. Altrimenti? Un governo scelto da Mattarella. E poi al voto nel 2019.

    • REDDITO E PENSIONI

    Lega e M5S ostaggi di promesse inesigibili

    La Lega ha battuto tutti i record di consensi con lo slogan "via la riforma Fornero" sulle pensioni. Mentre il M5S è diventato il primo partito promettendo il reddito di cittadinanza. Entrambe le proposte sono inattuabili, quando non sono superflue.

    • MEDIA MAINSTREAM

    "Euroscettici" in Italia, stampa anglofona confusa

    Come ci vedono. I media anglofoni non capiscono che il voto è stato vinto dai figli "bastardi" della sinistra internazionale. Perché sia la Lega di Salvini che, soprattutto, il Movimento 5 Stelle, sono figli dell'ideologia di sinistra predicata dagli stessi giornalisti che ora gridano all'allarme populismo ed euroscetticismo.

    • ECOLOGISMO

    Rivoluzione anti-industriale: il vero volto di M5S

    Del Movimento 5 Stelle, probabile futuro primo partito d'Italia, si parla molto, ma si sa poco. Apparentemente "populista", il movimento cela la sua vera natura: quella di un partito ecologista di massa. Che propone un modello di decrescita tecnologica e industriale per realizzare un'utopia verde.

    • IL VECCHIO E IL NUOVO

    Di Rousseau, della privacy e dei vecchi balletti di alleanze

    Il social network fa la sua irruzione nella scena ed è il vero elemento di differenza rispetto alle elezioni del 2013. Lo dimostra anche l'intervento del garante della privacy sulla piattaforma Rousseau del Movimento 5 Stelle e il ruolo degli "influencer". Ma resta un vecchio aspetto duro a morire: quello delle alleanze variabili.

    • MOVIMENTO 5 STELLE

    Luigi Di Maio, il finto amico delle famiglie

    Il leader del M5S Luigi Di Maio propone un "fisco amico delle famiglie" e dice di ispirarsi al modello francese di welfare. Ma a ben guardare nel suo programma, non si trova affatto il quoziente familiare alla francese, ma un sussidio che premia singoli disoccupati e non famiglie con figli a carico.

    • «AUTORIFORMATEVI O...»

    Di Maio sbatte sulla casta sindacale

    Anche il candidato 5 Stelle Di Maio si è detto convinto che i sindacati italiani debbano autoriformarsi oppure essere riformati per via legislativa. Ovviamente sono insorti tutti, ma il tasto toccato è più vivo che mai. E condiviso dalla maggioranza degli elettori. 

    • DI MAIO E DINTORNI

    I grillini sono divisi. E dunque in buona compagnia

    Luigi Di Maio è il nuovo candidato premier e capo politico del M5S, come era scontato. Ma il Movimento è ancora diviso sulla sua concentrazione di poteri. Anche nel centrodestra e centrosinistra restano spaccature su leader e legge elettorale.

    • DI MAIO E NON SOLO

    Democrazia nei partiti, questa sconosciuta

    La designazione di Di Maio a candidato premier del M5S è avvenuta in modo non democratico. Ma chi ascolta i suoi elettori e militanti scagli la prima pietra: nessun partito è democratico al suo interno.

    • DI MAIO FOR PRESIDENT

    Un bacio a 5 stelle (galeotte)

    Volevano abbattere le liturgie della vecchia politica e si affidano alla più abusata. Il candidato Cinque Stelle Di Maio alla prova del bacio della reliquia di San Gennaro. Un bacio a cinque stelle. Galeotte.