Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Fedele da Sigmaringen a cura di Ermes Dovico
SPORT

Sinner-mania, l'Italia diventa un Paese di tennisti

Ascolta la versione audio dell'articolo

Torna oggi in Italia Jannik Sinner, dopo l'exploit all'Australian Open. E comincia la prova più difficile: gestire l'ondata di celebrità che lo sta investendo. Un nostro consiglio: eviti almeno il Festival di Sanremo.

Sport 30_01_2024
Jannik Sinner

Probabilmente la partita più difficile per Jannik Sinner è appena cominciata, ovvero gestire questa ondata di celebrità che ha appena cominciato ad investirlo. Per oggi pomeriggio è previsto il suo arrivo in Italia con la coppa che si è guadagnato vincendo alla grande l’Australian Open, uno dei tornei di tennis più importanti della stagione. E comincerà la passerella: subito l’incontro con il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, poi giovedì il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, poi i giornalisti, la gente e infine la decisione da prendere sulla partecipazione al Festival di Sanremo come ospite. Una girandola di appuntamenti di cui Sinner preferirebbe certamente fare a meno, come ha lasciato capire. Vuole solo giocare a tennis.

Ma dalla semifinale, vinta battendo il fenomeno Novak Djokovic, alla finale domenica contro Daniil Medvedev e poi ancora dopo, è stato un crescendo di entusiasmo e di spazio dedicatogli dai media. Seguendo questo ragazzo altoatesino di 22 anni, mezza Italia si è scoperta improvvisamente appassionata di tennis. Non è una novità: le imprese sportive, in sport individuali o di squadra poco importa, generano sempre un grosso coinvolgimento popolare, scattano sia l’orgoglio nazionale sia una sorta di immedesimazione con l’eroe sportivo. E infatti c’è da scommettere che da ieri, e per le prossime settimane, torneranno a calcare un campo da tennis tanti che se l’erano quasi dimenticato, e aumenteranno quanti chiedono di iscriversi a un corso per imparare a giocare.

La forza di Jannik Sinner non sta soltanto nel suo enorme talento, nel suo impressionante lavoro per migliorarsi, nella capacità di sacrificio, in una straordinaria forza mentale che gli permette di gestire gli alti e bassi di una gara in modo lucido; sta anche in una semplicità di fronte alla realtà che è disarmante, ne fa quasi un anti-personaggio. Non è la personalità esuberante di un Valentino Rossi o di un Alberto Tomba, che trascinano il pubblico; Sinner è piuttosto l’immagine di un ragazzo buono che commuove.

Ne è stato un esempio il breve discorso di prammatica sul campo subito dopo la vittoria contro Medvedev. Se i complimenti al suo degno avversario erano in qualche modo scontati, non lo è stato augurargli anche di vincere uno dei prossimi Australian Open, che vuol dire una sua personale disponibilità a perderlo.
E poi il grande discorso sulla famiglia, il ringraziamento ai genitori: «Vorrei – ha detto - che tutti avessero dei genitori come quelli che ho avuto io, mi hanno permesso di scegliere quello che volevo, anche da giovane. Non mi hanno mai messo sotto pressione. Auguro a tutti i bambini di avere la libertà che ho avuto io».

È la testimonianza di un bene che per sua natura desidera comunicarsi a tutti. E per lui sicuramente la sua famiglia è diventata anche il modello con cui costruire le relazioni anche nello sport. Ha voluto ricreare il clima familiare anche con il suo team, di cui infatti parla sempre come una famiglia, che lo tiene sereno: l’allenatore, il preparatore atletico, il nutrizionista, il fisioterapista, e così via fino a chi cura il rapporto con gli sponsor. Una squadra multinazionale con tante competenze, che deve gestire e da cui a sua volta è gestito, perché a questo livello inevitabilmente un atleta diventa un’azienda. E nel caso di Sinner si può ben dire che si tratta di un’azienda familiare.

La semplicità poi gli ha fatto anche fare un’affermazione che sfida i luoghi comuni imposti dal pensiero unico sul clima: al calduccio di Melbourne ha pensato ai suoi genitori, che nel loro paese in Alto Adige stanno a -20 gradi, e ha concluso che è molto meglio stare al caldo. Dichiarazione che in altri tempi sarebbe stata perfino banale, degna di Massimo Catalano, il “filosofo” dello show tv Quelli della notte, diventato famoso come «il re delle ovvietà». Ma oggi, immersi nella propaganda climatista, suona addirittura come rivoluzionaria, irresponsabile. Invece è la semplicità di chi riconosce la realtà per quello che è, sia che si tratti del bene che la famiglia rappresenta, sia che si tratti dell’ambiente che ci circonda.

Ora la sfida è mantenere questa semplicità e questa serietà. Ci sono campioni che arrivati presto al successo si scoprono incapaci di gestirlo e si perdono. Sinner sembra di un’altra pasta e c’è quindi da augurargli un futuro all’altezza delle premesse.

In ogni caso ora, altre alle visite istituzionali di rito, c’è subito - come accennavamo all'inizio - una decisione importante da prendere: il Festival di Sanremo. Lui, nella sua semplicità, ha detto che non ha alcuna voglia di andarci ma le pressioni sono tante e non è detto che non debba capitolare, magari per rispettare qualche contratto. Noi però tifiamo perché resista e non ci vada. Non ne ha bisogno per la sua popolarità. Anzi, come direbbe Nanni Moretti, si nota di più se non ci va.



REALTÀ VS IDEOLOGIA

Djokovic e Nadal epici, ma il vaccinismo rovina lo sport

13_07_2022 Ermes Dovico

Prosegue la sfida storica, a colpi di Slam, tra il campione spagnolo e quello serbo: 22-21 per il primo, ma il secondo si è riavvicinato con la vittoria a Wimbledon. Peccato per la politica che interferisce, con l’irragionevole obbligo vaccinale che rischia di far saltare a Novak anche gli US Open. Ma così si falsa lo sport e lo si piega a fini ideologici.

ATLETI DEL CIELO

Anime in movimento. Frassati e i santi dello sport

04_07_2022 Antonio Tarallo

Pier Giorgio Frassati - di cui oggi ricorre la memoria - di montagna e di sci, conosce tutto, così come conosce bene e in maniera profonda cosa vuol dire essere cristiani. Come lui tanti altri santi sono stati atleti o amanti dello sport, come San Giovanni Paolo II, Chiara Luce Badano,Teresa de los Andes, Philip Evans.