• SCHEGGE DI VANGELO

Aggiustare la realtà ai nostri comodi

Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini (Mt 16, 23)

English Español

In quel tempo, essendo giunto Gesù nella regione di Cesarèa di Filippo, chiese ai suoi discepoli: «La gente chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». Risposero: «Alcuni Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti». Disse loro: «Voi chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù: «Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l'hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo. Da allora Gesù cominciò a dire apertamente ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei sommi sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risuscitare il terzo giorno. Ma Pietro lo trasse in disparte e cominciò a protestare dicendo: «Dio te ne scampi, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!». (Mt 16, 13-23)

Dopo il peccato originale, se non ci lasciamo guidare dalla Divina Volontà, tutti tendiamo alla menzogna per aggiustare la realtà ai nostri comodi. Anche gli uomini migliori, come san Pietro, futuro primo papa, non fanno eccezione a tale regola. Hai pregato oggi per i pastori della Chiesa affinché ricordino costantemente che la loro vocazione consiste nel diffondere la parola e la volontà di Gesù prima della propria?

Dona Ora

English Español