• UNIONI OMOSESSUALI

Turci-Pascale, la prova che certi cattolici hanno sbagliato

Chi protesta oggi perché tutti parlano di matrimonio invece che di unione civile, è ingenuo o ipocrita. La legge sulle unioni civili è stata concepita fin dall'inizio come primo passo verso il matrimonio egualitario, e chi l'ha appoggiata porta la responsabilità di questa deriva.

Francesca Pascale

C’è qualcosa di insopportabile intorno a quelle che tutti chiamano le “nozze” della cantante Paola Turci e di Francesca Pascale, l’ex “fidanzata” di Silvio Berlusconi. Qualcosa di ancora più insopportabile della morbosa copertura dell’evento da parte di giornali e tv, che per settimane ci hanno scassato l’anima su tutti i dettagli di questa “splendida storia d’amore”, e poi sulla cerimonia e su quanta gioia si riversa sull’umanità intera a causa di questo “matrimonio”.

Matrimonio? Ecco la cosa ancora più insopportabile: quelli che si preoccupano solo di precisare che non di matrimonio si tratta, ma di unione civile. E ti spiegano che la legge italiana non permette di chiamare matrimonio (che è solo fra uomo e donna) quella che è una semplice unione fra persone dello stesso sesso. E chiedono quindi alla stampa di usare la terminologia corretta. Sono magari gli stessi, soprattutto cattolici, che hanno sempre sostenuto il sì alle unioni civili “basta che non si confondano con il matrimonio e la famiglia”.

Al che ti chiedi se costoro siano più ingenui o ipocriti. Perché è vero: tecnicamente in Italia c’è una differenza tra matrimonio e unione civile, ma nella sostanza? L’unica vera differenza concreta sta nel divieto – per i civiluniti – di adottare bambini, divieto peraltro aggirabile. Per il resto diritti e doveri sono gli stessi (anzi, tra civiluniti non c’è l’obbligo di fedeltà come nel matrimonio). E allora a cosa serve mettersi a discutere se il riferimento è all’articolo 29 della Costituzione o all’articolo 2?

La realtà è che è solo una questione di tappe. Introdurre subito il matrimonio omosessuale – o egualitario – sarebbe stato un boccone troppo difficile da digerire in una sola volta. Così, come è stato per altri paesi prima dell’Italia, si comincia con l’approvazione di una legge sull’unione civile: nel linguaggio comune, dei media, si comincia però a chiamarlo matrimonio, “civiluniti” sparisce dal linguaggio comune per lasciare spazio a “sposi”, e nel frattempo il concetto di “famiglia arcobaleno” si è già affermato; infine si arriva all’approvazione di una legge che prende atto della realtà e cambia anche la terminologia, matrimonio e basta. Senza che nessuno obietti perché tanto ci si è già abituati a considerarlo tale e anzi, ci si chiederà stupiti e scandalizzati come mai prima si chiamava unione civile.

Tutto il can can pubblicitario intorno alla coppia Turci-Pascale – uno spazio che neanche per Diana e Carlo d’Inghilterra – proprio a questo serve: a far entrare nella testa la parola matrimonio riferita a una unione omosessuale (magari ricordando che c’è ancora un passo da fare per arrivare alla piena uguaglianza). Così come era stato poche settimane prima per l’altra coppia omo molto celebrata: il giornalista Alberto Matano con il “suo” Riccardo Mannino.

Era una strada segnata fin dall’inizio, e a questa deriva hanno pesantemente concorso politici cattolici e persino pastori (non dimenticheremo i fantastici editoriali di Avvenire sul grande contributo che unioni omosessuali stabili danno alla società), che hanno giustificato e valorizzato le unioni civili, facendo credere che basti giocare sui termini per salvare l’unicità della famiglia.

Costoro, invece di fare equilibrismi impossibili sull’uso delle parole, avrebbero dovuto e dovrebbero ora rileggersi quanto il Magistero (e sottolineo Magistero, non l’opinione personale di questo o quel vescovo) ha chiaramente affermato sul tema delle unioni fra persone dello stesso sesso, e troviamo sintetizzato nel documento della Congregazione per la Dottrina della Fede del 2003, “Considerazioni circa i progetti di riconoscimento legale delle unioni tra persone omosessuali”.

Citiamo solo la conclusione: «La Chiesa insegna che il rispetto verso le persone omosessuali non può portare in nessun modo all'approvazione del comportamento omosessuale oppure al riconoscimento legale delle unioni omosessuali. Il bene comune esige che le leggi riconoscano, favoriscano e proteggano l'unione matrimoniale come base della famiglia, cellula primaria della società. Riconoscere legalmente le unioni omosessuali oppure equipararle al matrimonio, significherebbe non soltanto approvare un comportamento deviante, con la conseguenza di renderlo un modello nella società attuale, ma anche offuscare valori fondamentali che appartengono al patrimonio comune dell'umanità. La Chiesa non può non difendere tali valori, per il bene degli uomini e di tutta la società».

Il giudizio della Chiesa è sempre stato chiaro, stare oggi a disquisire su quale parola usare è solo patetico. E, appunto, insopportabile.

 

Se vuoi approfondire i temi trattati nell’articolo ti consigliamo l’acquisto del nostro libro: 
“Matrimonio e famiglia, Chiesa al bivio “ di Stefano Fontana 
Facente parte della nostra collana SAPERE PER CAPIRE 

 

Dona Ora